LA-RI CAR srl
Offerte

Blocco Auto Diesel

Blocco Auto Diesel

Le sempre più stringenti normative intema di emissioni stanno minando il futuro del diesel. Se, da unlato, questo tipo di alimentazione consente notevoli risparmi agliautomobilisti che percorrono migliaia di chilometri l’anno, dall’altro ilmotore diesel non è più visto di buon occhio dai legislatori europei cheritengono questa motorizzazione particolarmente inquinante.

Stop ai diesel nel Nord Italia: valeanche per gli Euro 3

La guerra allo smog nella Pianura Padanaentra in una nuova fase. Dal 1 ottobre fino al 31 marzo 2019 sonoscattate le prime limitazioni permanenti al traffico inPiemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Si tratta di misure più severerispetto a quelle dello scorso inverno: da quest’anno, infatti, il divietodi circolazione nei giorni feriali vale anche per i veicolidiesel Euro 3 (oltre che per i mezzi benzina Euro 0, diesel Euro 0,diesel Euro 1 e diesel Euro 2) indipendentemente dai livelli d’inquinamento.

Dal lunedì al venerdì,dalle ore 7,30 alle ore 19,30, salve leeccezioni indispensabili, il blocco vale per le autovetture e i veicoli commercialidi categoria N1, N2 ed N3 ad alimentazione diesel, di categoriainferiore o uguale ad Euro 3. Vi consigliamo di consultare il sito delcomune di residenza per verificare nel dettaglio tutte le restrizioni.

Le aree principalmente interessate alblocco sono i centri urbani con popolazione superiore ai 30.000abitanti presso i quali opera un adeguato servizio di trasportopubblico locale, ricadenti in zone presso le quali risulta superato uno o piùdei valori limite del PM10 o del biossido di azoto NO2.

Il blocco della auto diesel varrà ancheper i prossimi anni. La limitazione è estesa alla categoria Euro 4 entro il 1ottobre 2020, alla categoria Euro 5 entro il 1ottobre 2025.

Blocco auto diesel Milano

Anche a Milano è valido il blocco alleauto diesel Euro 3. A ciò si aggiunge il fatto che il blocco permanente delleauto diesel scatterà dal 21 gennaio 2019. Da quel giorno i veicolidiesel fino a Euro 3 non potranno più circolare a Milano. Saranno attivi più di180 varchi per controllare le violazioni, mentre gli automobilisti sarannoavvisati con apposita segnaletica orizzontale.

Vediamo una cronologia del futuro deldiesel a Milano:

  • dal 1° ottobre 2018 al 31 marzo 2019, dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19.30, non potranno circolare le auto diesel dalla categoria Euro 0 alla categoria Euro 3 compresa;
  • dal 1° aprile 2019, per tutto l’anno, dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19.30, divieto per i veicoli Euro 0 a benzina e fino ad Euro 2 diesel;
  • dal 1° ottobre 2020, semestre ottobre-marzo, dal lunedì al venerdì, divieto di circolazione per le auto diesel fino ad Euro 4 comprese;
  • dal 1° ottobre 2020, per tutto l’anno, lunedì-venerdì 7.30-19.30, divieto di circolazione per tutti i veicoli a benzina fino ad Euro 1.
  • dal 1° ottobre 2025 i divieti si estenderanno ai diesel Euro 5.

 

Dal 2020 blocco delle auto diesel

Le nuove norme RDE

Con l’introduzione delle nuovenorme europee RDE (Real Driving Emissions) è stata introdotta unastretta che mira ad un sostanziale blocco per le auto diesel dal 2020.Secondo queste normative, infatti, dallo scarico di queste vetture, e di quellealimentate a benzina a iniezione diretta, non dovrà uscire più il particolato,uno degli elementi maggiormente dannosi per la salute. Al fine di ottenere datisull’inquinamento quanto più reali possibili, la misura delle emissioni verràrilevata anche in condizioni reali di guida su strada tramite particolari strumentazioniinstallate a bordo delle auto.

Gli standard WLTP

Analogamente, le emissionidi NOx saranno misurate su strada e non potranno superare di 2,1volte quanto certificato in laboratorio per ottenere l’omologazione Euro 6,mentre,  entro gennaio 2020, questo valore verrà ulteriormente ridotto. Inoltre,oltre alle norme RDE, sono stati introdotti gli standard WLTP(Worldwide-harmonized Light vehicle Test Procedure) al fine di avvicinare icontrolli eseguiti in laboratorio a quelli su strada così da avere rilieviquanto più veritieri possibili sulle emissioni.

Quale futuro per il diesel?

I programmi dei costruttori

Nonostante le nuove e piùrestrittive normative, alcune case come Toyota hanno decisoper una sospensione istantanea della vendita delle vetture diesel in Italia,altri costruttori, come Mercedes, hanno promesso grandiinvestimenti per lo sviluppo della propulsione elettrica senza abbandonare ilmotore diesel. Se si opta per l’acquisto di un’auto diesel, tuttavia, bisognacompiere questa scelta anche in prospettiva futura. Se, da un lato, un motorediesel garantirà una guida brillante grazie alla maggiore coppia disponibile aibassi regimi, dall’altro ci si dovrà scontrare con una politica sempre piùrestrittiva di accesso ai centri cittadini per queste tipologie di vettureoltre alla verosimile notevole svalutazione.